Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

RICORDI ELEMENTARI...
Una sera come un'alt...
La luna osserva ......
Non esistono più le ...
La mia coperta d'acq...
Rileggendo poesie...
Pettirossi...
Ci sono giorni....
Naufrago...
Che ero vivo se ne s...
Gli occhiali di Lina...
Dura la vita... del ...
Un Onda per amica....
Velo d'organza...
Fessura...
VOLEVO DIRTELO...
Sei.bella come il ra...
Il sapore del vero.....
Prima che l’alba div...
QUANDO IL FORTE VENT...
Donna vuol dire dann...
Guarigione...
Luccichio di stelle...
Ona...
Un incontro d'amore....
ballata macabra...
Forse sono scomparse...
Solitudine...
Melograno...
Passo dopo passo...
La notte...
In un giorno senza s...
Da quel giorno (gior...
Una luce piangente...
Il Matto...
Ma poi oscilli...
Ascoltati...
Andare nella perifer...
L' AMORE E LE ...
Lucifero...
Donna violentata. La...
La Notte...
e non ti chiedi perc...
PRECARIO...
ERETICA ERMETICA ER...
Haiku: Brina...
Disavventura...
Sguardi e Pensieri...
le notti dell'abband...
La nostra vita...
I Piccoli e la lampa...
sei come l'aurora...
L'oscurità in un sog...
Che cos'è l'amore? ...
Non so. Non ricordo....
QUESTA E’ L’ITALIA...
L'inverno del cuore...
Fin dove arriva lo s...
Biscotti...
l'inganno...
A mia figlia (che no...
Leonidi...
Il tuo fiore...
grazie...
Il cavallo a dondolo...
Immenso...
ALL'ORIZZONTE...
TANGO D\'EMOZIONI...
Se non resti...
HO OSSERVATO IL MARE...
IL PROFILO DEL TEMPO...
Il vecchio frantoio...
All’ombra delle stel...
Ho camminato cento p...
Da secoli più non mi...
Come posso capire di...
Il cerbiatto...
Nella...polvere!...
I cinque semi......
il brigante...
Maternità...
le parole non cambia...
Un tramonto sul mare...
L'ultima lacrima...
L'ultimo canto...
Strano fiore...
DESIDERI...
AMAMI...
Mani tese...
UN AMICO...
Germogli di felicità...
POETI SENZA POESIA...
Passi...
Brumoso assopirsi...
Ricordi di Taormina....
Fanciulla felicità(C...
Ogni volta che vuoi ...
DONA LA PACE...
FIGLI E… FIGLIASTRI...
L'affetto è un liqui...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Al cacciatore

Tu che conosci i boschi tinti di rosso,
con le sue fragili ossa stese al suolo
e la sua linfa che lenta scorre via,
lontana dal ricordo dell’estate,
che coi suoi raggi non lo bacia più;


Tu che osservi in silenzio il suo mutare
al vento umido che spira d’oltralpe,
i rami spossati liberi ancora
dopo mesi passati dolcemente
a vegliare i suoi compagni di splendore:


Sono trascorsi i caldi mesi lieti
in cui gli scoiattoli giocavano
sui tronchi gonfi di vita e speranza,
discreti garanti di un amor bambino
che l’inverno grigio poi seppellirà.


Resta immobile ascoltando il pulsare
di un mondo che imbrunendo si assopisce;
calmo carica il fedele fucile,
mescolando il tuo respiro alla nebbia
e pietoso incontra il suo sguardo mite.


Giunge l’inverno in quel bosco straniero
che tutto sembra aver dimenticato,
anche le tracce giacciono segrete,
là, dove l’ultimo affanno s’è perso,
cieco, nell’ombra fatua al calar del sole.



Share |


Poesia scritta il 08/01/2013 - 16:33
Da Donna Pola
Letta n.544 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


questa poesia oltre che a sentirla si riesce a vederla.Molto bella.

Claretta Frau 09/01/2013 - 17:32

--------------------------------------

Ho letto più volte questa tua poesia alquanto originale che assomiglia ad un timido dipinto...
Mi è piaciuta.

Daniela Cavazzi 09/01/2013 - 17:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?