Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Senza cofano né motore

Placche, placche che messe assieme formano un tessuto unico,
come motore e cofano,
manca solo il parabrezza per vedere i raggi di luce passarci attraverso,
e disegnare ricami sul vetro.


Dirompente nascere che sembra un morire con grosse vene color marrone,
e tatoo piantati sul retro di alberi nascosti dietro troppe foglie.
Cosa passa attraverso le nuvole?
E cosa posso fare per starti vicino?


Spegniamo la radio e tiriamo giù dal balcone questa testa di marmo caduta dal cielo,
e che ci oscura la vista, sciogliamo più che rapprendere,
indaghiamo dentro stati umorali bifronti
e giù, a colorare tutto questo, manciate di apparenze.


Le mie braccia sono friabili come ali di cartone,
e mi sento di perderti perfino quando ti stringo,
ma questo qualcuno lo chiama un vantaggio,
come avere pesanti fondine dentro cui sono narcotizzati scoiattoli in varie forme.


Lamentandosi mentre le budella gli escono di fuori, il morituro
compie un atto di millantato esibizionismo,
e allora non riesco a tenerti né su né giù, né cofano né motore.
Quel che cerchiamo non è possibile, sovrastati da troppa acqua che ci schiaccia.


La eco che si protrae dentro la stanza, induce a pensare che quei due farabutti
che ci hanno fatto entrare, vogliano qualcosa da noi, qualcosa di serio da noi,
e non solo brandelli.
Senza cofano né motore.



Share |


Poesia scritta il 11/02/2017 - 16:13
Da Giulio Soro
Letta n.165 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?