Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Eppur mi sono scorda...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
In cerca del caribù...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
Oltre...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...
Bava di lumaca...
Quella ragazza...
Il migliore amico de...
OTTO DICEMBRE di En...
Lupo sdentato...
Ascolta se vuoi....
Ogni fiume segue il ...
Passerà la festa...
Cappuccetto Rosso e ...
La bocca di un crate...
Un angelo senza nome...
Un altro giorno...
Tu vai, io sono qui...
Solamente felicità...
In Do maggiore...
AD ALDO MINIUSSI, CA...
Tornando a casa...
Solitudine...
UN LUPO NON TRO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lasciate che le campane suonino

Andiamo fuori a fare una passeggiata,
a respirare l’aria della primavera,
a vedere i tanti che sono vissuti e sono morti,
a vedere l’eterna stella d’oro,


a vedere tutti quelli che ci hanno preceduto,
tenendosi stretti all’orlo del tuo vestito
per tutto il cammino, dalla Trinacria
fino al tuo dolce e ultimo amen.


Lasciate che le campane suonino,
lui è cosa vera,
lasciate che le campane suonino,
lui è cosa vera.


Prendi questo tuono assordante.
Prendi questo pane e questo vino,
non è il tuo passaggio che ci rattrista,
ma il mondo che ti sei lasciato alle spalle.


Bene, non respirare, non emettere alcun suono
e guarda la tua opera potente
che si alza come una torre sopra il terreno disinteressato,
di un mondo più povero e più buio.


Lasciate che le campane suonino,
lui è cosa vera,
lasciatele suonare,
lui è cosa vera.


Ci sono alcuni di noi che non sanno legare nemmeno i lacci delle tue scarpe,
ma devono restare dietro le tue spalle per dare la loro testimonianza,
attraverso un blues elementare.
Così andiamocene fuori a camminare, è tardi.



Share |


Poesia scritta il 10/03/2017 - 18:17
Da Giulio Soro
Letta n.263 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


spettacolare!

laisa azzurra 11/03/2017 - 21:39

--------------------------------------

Ottimo lavoro le cui considerazioni aprono un ampio spettro di riflessioni sulla nostra esistenza e nel modo in cui trasitiamo da questa all'altra vita......Complimenti, ciao

Francesco Scolaro 11/03/2017 - 12:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?