Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La tua pelle II...
A MIRELLA...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lasciate che le campane suonino

Andiamo fuori a fare una passeggiata,
a respirare l’aria della primavera,
a vedere i tanti che sono vissuti e sono morti,
a vedere l’eterna stella d’oro,


a vedere tutti quelli che ci hanno preceduto,
tenendosi stretti all’orlo del tuo vestito
per tutto il cammino, dalla Trinacria
fino al tuo dolce e ultimo amen.


Lasciate che le campane suonino,
lui è cosa vera,
lasciate che le campane suonino,
lui è cosa vera.


Prendi questo tuono assordante.
Prendi questo pane e questo vino,
non è il tuo passaggio che ci rattrista,
ma il mondo che ti sei lasciato alle spalle.


Bene, non respirare, non emettere alcun suono
e guarda la tua opera potente
che si alza come una torre sopra il terreno disinteressato,
di un mondo più povero e più buio.


Lasciate che le campane suonino,
lui è cosa vera,
lasciatele suonare,
lui è cosa vera.


Ci sono alcuni di noi che non sanno legare nemmeno i lacci delle tue scarpe,
ma devono restare dietro le tue spalle per dare la loro testimonianza,
attraverso un blues elementare.
Così andiamocene fuori a camminare, è tardi.



Share |


Poesia scritta il 10/03/2017 - 18:17
Da Giulio Soro
Letta n.305 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


spettacolare!

laisa azzurra 11/03/2017 - 21:39

--------------------------------------

Ottimo lavoro le cui considerazioni aprono un ampio spettro di riflessioni sulla nostra esistenza e nel modo in cui trasitiamo da questa all'altra vita......Complimenti, ciao

Francesco Scolaro 11/03/2017 - 12:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?