Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

NEVICA...
Angoli...
I Colori dell'Anima....
L'incantesimo della ...
LA STORIA...
Il rumore dell\'alba...
Curiosa luna...
Giovani...
ACQUA 3 acrostici di...
IL SEGRETO DELL' AMO...
MERIGGIO AL MARE...
È l'amore...
Dolce silenzio...
Artiom...
uno sguardo fisso ne...
Piccolo...
La crociera...
Tutti noi siamo mend...
per sentirti mia...
Di silenzi ho riemp...
SIAMO, NON SIAMO...
In questo spazio vuo...
FALSI PROBLEMI...
Una sferzata...
Il mio Dio...
L'età...
Inverno ai Colli...
FESTA SIMPATICA...
L’ora scendeva lenta...
tieneme stritto -(ti...
Il silenzio... Poesi...
L'amore...
Serenità...
PER UN MONDO MIGLIOR...
PIOVE IN PERIFERIA...
IL PARADOSSO DELL'UT...
Ricorda...
Selenite angosciante...
Invernale...
Dall'alba al tramont...
Piazzale Loreto...
ERA AMORE...
Umano...
IL tuo amore assassi...
Haiku Sussulto...
Sorriso...
Ho perso un fratello...
L'inverno e il vorti...
CAMMINANDO...
Aria di primavera...
Incantevole percezio...
TI AMO PERCHÉ...
Vita...
L’ÒMO E LA CACCA di ...
Ogni notte di luna...
TU PRENDI...
PANE ANCORA...
Un fuoco sbagliato...
Una piccola esplosio...
Un raggio di sole...
GIADA- Seconda Parte...
Se fossi chi non son...
AVATAR...
Caro me...
33 versi...
Tabù...
Eterei amanti di pen...
L'Ultimo Anno...
SUSSULTO...
Nella notte che non ...
Confidenze...
Polvere...
SAPPIMI DIRE...
Il filo rosso...
Puoi....
Una cenetta a due...
Una preghiera...
Quo vadis...
LA MACCHINA DEL TEMP...
Le melodie dell\'arp...
ali....
Stile Libero...
L’uomo del faro....
Serenamente...
....tu, annusa...
Lei...
Se una canzone fossi...
BUONE COSE...
Nero grafene...
DIFFICILE ETA'...
Non siamo niente di ...
LA MUSA ISPIRATRICE ...
Brezza primaverile...
Sepoltura...
DOVE SEI...
L'anno nuovo...
100% cuore...
Comprensione...
LACRIME NASCOSTE...
LA MIA VITA CON LE D...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



E\' Tempo

E’ tempo
ricordo l’abbaglio del volto
all’ora di pranzo
e quegli artigli sulla lingua
il ribollire di quel possesso
che negavo e negavo a me stesso.
O forse no.
Era una nebbia che avvolgeva la casa
e le finestre diroccavano di silenzi
e tutta quella saliva ancora da ingoiare
in me colavano nomi e memorie
che d’improvviso mi si aprivano
su quel letto di morte.


E’ tempo
troppo tempo che non riesco a piangere
adesso quelle parole sono arrivate
cotte come l’oro
nei silenzi più atroci
come crampi negli occhi.


E’ tempo
l’abbaglio nel tuo volto
e il mondo se ne va via
senza crampi
senza corde
senza giochi
senza essere più niente.


E’ stata come una corsa di notte
sulla spiaggia
eravamo nello stesso sguardo
nei stessi dintorni
e attraverso le pareti
ma sconosciuti nelle parole.-


@GiuseppeLonatro



Share |


Poesia scritta il 19/10/2017 - 16:07
Da Giuseppe Lonatro
Letta n.86 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Profondamente bella, in una successione di tempo come a scandire quello che resta di un qualcosa che ora finalmente si è sciolto nel pianto... dolore, amore e poesia!

margherita pisano 20/10/2017 - 19:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?