Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...
MA LEI LO SA?...
aspettami...
CAP 2 La non-storia...
Reset...
Peggio della malinco...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Serpente Piumato

Freddi rintocchi d'estati
sulle palpebre rosse,
venti dell'est
che pervadono il mio corpo,
ma la lucentezza del mattino
si è bevuta il terreno.


Le campane celestiali mi ricordano
che sono figlio del mio tempo,
che trascorro questo tragitto
come una clessidra
che non vede l'ora di spegnersi
e ingoiare di nuovo
la sua sabbia.


Gli enormi blocchi
formati dagli scogli del mare
mi incitano a varcare
il muro d'ebano,
alzati ai quattro venti
le chiamate del gruppo di angeli,
un soccorso temporaneo
nel vuoto celebrale.
Bianche le scritte
su quel muro d'orrore
che la civiltà ha mangiato, bevuto
e sonnecchiato abbastanza
per dimenticarsi del luogo
da cui siamo giunti.


I rintocchi caldi dell'inverno,
la porta del paradiso,
l'accoglienza dello spirito alato,
alla fine un serpente piumato
nacque.



Share |


Poesia scritta il 26/09/2014 - 19:32
Da Lorenzo Arcaleni
Letta n.576 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Chiara :)

Lorenzo Arcaleni 30/09/2014 - 19:14

--------------------------------------

Intima e con immagini molto forti, buona serata Lorenzo!!

Chiara B. 30/09/2014 - 18:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?