Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...
Mizzeca!...
Figlia mia...
NA SERA DORCE DE PER...
Due cuori e un'anima...
SHOPPING...
Una mano che mi rega...
Riflessi di seduzion...
L\'attimo!...
FEDELE SPECCHIO DEL ...
Poetic forms...
Suadente e nostalgic...
ACCENDI I TUOI SOGNI...
MONOLOGO A ME ...
L'oracolo...
caparbiamente sorda...
Fuggire...
Nell'orto...
Giugno......
Il pianeta dell'Amor...
LEGGENDA PERSONALE...
LI SOGNI di Enio 2...
Un folletto bizzarro...
con gli occhi chiusi...
LE ROSE ROSSE SUL SU...
amami...
Dannarsi l’anima cre...
Dolore sulla notte...
Con una stretta di m...
primaverile tempo...
Haiku A casa...
AMARTI...
Non c 'è scappatoia....
Penso al destino...
SCIARADA...
Tra le rive delle no...
Un'ambizione che spa...
Tu...
Paradiso in fiamme...
SUPERBIA......
Ciò che distingue l'...
Il Corpo di Psiche...
Perle di Luna...
IL POETA COLTIV...
Dal diario di una pr...
Prendetevi una pausa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Serpente Piumato

Freddi rintocchi d'estati
sulle palpebre rosse,
venti dell'est
che pervadono il mio corpo,
ma la lucentezza del mattino
si è bevuta il terreno.


Le campane celestiali mi ricordano
che sono figlio del mio tempo,
che trascorro questo tragitto
come una clessidra
che non vede l'ora di spegnersi
e ingoiare di nuovo
la sua sabbia.


Gli enormi blocchi
formati dagli scogli del mare
mi incitano a varcare
il muro d'ebano,
alzati ai quattro venti
le chiamate del gruppo di angeli,
un soccorso temporaneo
nel vuoto celebrale.
Bianche le scritte
su quel muro d'orrore
che la civiltà ha mangiato, bevuto
e sonnecchiato abbastanza
per dimenticarsi del luogo
da cui siamo giunti.


I rintocchi caldi dell'inverno,
la porta del paradiso,
l'accoglienza dello spirito alato,
alla fine un serpente piumato
nacque.



Share |


Poesia scritta il 26/09/2014 - 19:32
Da Lorenzo Arcaleni
Letta n.592 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Chiara :)

Lorenzo Arcaleni 30/09/2014 - 19:14

--------------------------------------

Intima e con immagini molto forti, buona serata Lorenzo!!

Chiara B. 30/09/2014 - 18:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?