Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Quei due che non era...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
Oltre...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...
Bava di lumaca...
Quella ragazza...
Il migliore amico de...
OTTO DICEMBRE di En...
Lupo sdentato...
Ascolta se vuoi....
Ogni fiume segue il ...
Passerà la festa...
Cappuccetto Rosso e ...
La bocca di un crate...
Un angelo senza nome...
Un altro giorno...
Tu vai, io sono qui...
Solamente felicità...
In Do maggiore...
AD ALDO MINIUSSI, CA...
Tornando a casa...
Solitudine...
UN LUPO NON TRO...
e dimenticare...
Imparare dalla sempl...
Ah, l'amour......
O il babbo...?...
L' Ancora Di Salvezz...
La retta via...
L'oscuro contadino (...
Sangue e Jack Daniel...
Calessi...
La pulizia...
Mareggiata...
Tu vali...
Che te credi...
FALLIMENTO...
Il mondo......
MARY E IL LUPO...
Datemi un verso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Serpente Piumato

Freddi rintocchi d'estati
sulle palpebre rosse,
venti dell'est
che pervadono il mio corpo,
ma la lucentezza del mattino
si è bevuta il terreno.


Le campane celestiali mi ricordano
che sono figlio del mio tempo,
che trascorro questo tragitto
come una clessidra
che non vede l'ora di spegnersi
e ingoiare di nuovo
la sua sabbia.


Gli enormi blocchi
formati dagli scogli del mare
mi incitano a varcare
il muro d'ebano,
alzati ai quattro venti
le chiamate del gruppo di angeli,
un soccorso temporaneo
nel vuoto celebrale.
Bianche le scritte
su quel muro d'orrore
che la civiltà ha mangiato, bevuto
e sonnecchiato abbastanza
per dimenticarsi del luogo
da cui siamo giunti.


I rintocchi caldi dell'inverno,
la porta del paradiso,
l'accoglienza dello spirito alato,
alla fine un serpente piumato
nacque.



Share |


Poesia scritta il 26/09/2014 - 19:32
Da Lorenzo Arcaleni
Letta n.565 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Chiara :)

Lorenzo Arcaleni 30/09/2014 - 19:14

--------------------------------------

Intima e con immagini molto forti, buona serata Lorenzo!!

Chiara B. 30/09/2014 - 18:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?