Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il lupo solitario

USA Texas 1858 o giù di lì.
Per tutti era il lupo solitario della valle solitaria,non poteva essere altrimenti,in quella valle c'era solo lui.
Correva in lungo e in largo per la valle,tutto il giorno,tutti i giorni. Almeno una o due volte al mese correva anche di notte,forse la luna,chissà. Cacciava qualche coniglio,ogni tanto e lo nascondeva nella sua tana. Quando pioveva non andava a caccia e la fame mordeva.
Fortunatamente in quella valle c'erano tanti conigli e poche giornate piovose.
Un giorno Lupo solitario vide un branco di suoi simili attraversare la valle,non si mosse dal suo nascondiglio.
Il capo branco si staccò,lo aveva visto,dietro i cespugli.
Cominciò una furiosa lotta,per la conquista del territorio l'uno,per la conservazione l'altro.
Il capo branco fu sconfitto e se ne andò con tutti i lupi.
Quell'anno l'inverno cominciò prima che l'estate finisse,a settembre già nevicava e la valle si coprì di una spessa coltre di neve. Lupo solitario continuò a correre e a cacciare come se nulla fosse successo,tanto che dalla neve gli uscivano solo le lunghe orecchie grigie.
La cosa fece il giro delle valli vicine.
C'è sempre qualcuno che vuole vedere un paio di orecchie muoversi da sole sulla neve.
Quel qualcuno si chiamava Jack, aveva una moglie e una cagnolina,Daisy...splendido esemplare meticcio.
Quando arrivò, la neve era ormai sciolta e la valle era colma d'acqua. Jack pensò di aver sbagliato strada,d'un tratto però...due orecchie a pelo d'acqua,era Lupo solitario che nel frattempo aveva imparato a nuotare.
Titubante e guardingo per l'umana presenza,notò Daisy e da lupo quale era,diede una annusatina alla piccola e capì che la sua vita era stata troppo solitaria.
Jack e sua moglie capirono e non fecero nulla.
Qualche giorno dopo partirono lasciando Daisy nella valle solitaria. In breve tempo la valle assorbi' tutta l'acqua e il lupo decise che era arrivato il momento di metter su famiglia.
Insieme a Daisy cercò una nuova tana,cercarono tanto e trovarono una vecchia palafitta a forma di barca.
Lupo solitario pensò che era l'ideale per le annate e gli inverni piovosi.
Inverni così non ce ne furono più per tanti anni.
Lupo e Daisy rimasero sempre insieme e crebbero tanti piccoli.
Un anno,però,le piogge iniziarono presto e la valle fu inondata. Piovve così tanto e forte che i sostegni non ressero all'impeto dell'acqua e la tana cominciò a navigare.
Navigarono tanto.
Furono trovati mesi dopo da un gruppo di coloni durante una perlustrazione,la valle era un immenso lago.
"Guardate"disse uno degli uomini."Guardate dentro,sembra l'arca di Noè.
Ora la valle solitaria é popolata,piena di case e strade,come tutte le valli del mondo.
La chiamano la valle dell'Arca, ma nessuno si ricorda il perché.



Share |


Racconto scritto il 24/01/2016 - 16:45
Da Loris Marcato
Letta n.375 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Come Lupo Solitario che va a caccia di conigli, io vado a caccia dei tuoi racconti caro Loris, che sono il mio genere prediletto in ambito letteratura. Un racconto molto carino, ho immaginato come un film la vicenda che con dovizia hai strutturato. Alcune sequenze hanno una certa poesia che abbelliscono ancora di più il racconto. Molto bravo e dico davvero.

Giuseppe Scilipoti 12/02/2017 - 15:14

--------------------------------------

Bellissimo racconto, che fantasia!*****

Marilla Tramonto 04/04/2016 - 18:08

--------------------------------------

Bellissimo racconto, che fantasia!*****

Marilla Tramonto 04/04/2016 - 16:53

--------------------------------------

Non solo la mia fantasia è riuscita a vedere l'immagine del racconto...ma ho anche provato a disegnare l'immagine su un foglio...bravo Loris

Katia Crepaldi 29/01/2016 - 22:08

--------------------------------------

Molto molto carino e ben scritto!

Marirosa Tomaselli 25/01/2016 - 21:03

--------------------------------------

Complimenti Loris. Bel racconto, letto con vero piacere*****

Francesco Gentile 25/01/2016 - 10:56

--------------------------------------

Mi piace.Veramente carino. Ciao

Sabry L. 25/01/2016 - 06:13

--------------------------------------

Con questo piccolo brano ti meriti un complimento e pure un invito a leggere, o a rileggere, un Jack davvero formidabile, London, appunto, che insuperabilmente scrive di animali. Un saluto

Luciano Bellesso 25/01/2016 - 02:48

--------------------------------------

Grazie per bei commenti, anche del buon consiglio, non sono un mago della forma, ma provo a scrivere. Grazie ancora, ciao a tutti. Loris.

Loris Marcato 24/01/2016 - 23:11

--------------------------------------

Sì, anch'io l'ho trovato un racconto simpatico, originale e ben scritto. 5 stelle meritate.
P.s. un solo appunto, dopo la virgola va lasciato uno spazio...è una regola internazionale a favore dell'occhio del lettore. Uè!

Gennarino Ammore 24/01/2016 - 23:00

--------------------------------------

Molto carina e simpatica
Complimenti
5*
Nadia

Nadia Sonzini 24/01/2016 - 22:25

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?