Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...
Vola... Aquila Reale...
Non siamo niente...
Pensieri d\'estate...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'errore

L'autunno addobbava i giardini in letti di foglie secche e scricchiolanti, poi ammucchiate in grandi cumoli dai domestici. Agata amava tuffarsi dentro quelle praterie ampie e profonde, le ricordavano il mare, miraggio d'un estate ancora lontana. Dopo scuola era il suo primo pensiero. Le foglie le si intrecciavano tra le ciocche bronzee dei capelli e tra i costosi e variopinti vestitini che adorava indossare in ogni stagione. Quella dolce e bella bambina di appena sei anni poteva desiderare qualsiasi giocattolo, tanto ricca la sua famiglia, eppure nulla era meglio di giocare in giardino con quel che offriva la natura. Era così diversa Agata dagli altri bambini della sua età, diversa da tutti quei fanciulli che non potevano permettersi una balia, che possedevano giocattoli usati e rotti, che ricevevano un bacio sulla fronte prima di andare a dormire o un semplice abbraccio prima di andare a scuola, che al mattino trovavano i genitori ad aspettarli e non la casa vuota. Ad Agata certi "privilegi" non erano concessi e da piccola bambina qual'era si interrogava dandosi mille risposte fantasiose. La verità è che fu un "errore", uno "sbaglio", ma come si fa a dire ad una bambina certe assurdità?. Eppure in un certo senso era così, nata da due genitori troppo giovani per adempiere al loro compito, troppo ricchi e ignoranti per capire che avere una figlia significa avere una "piacevole responsabilità". Agata crebbe, conobbe il lusso più sfrenato che mai però riuscì a sostituire i magoni e i sorrisi spenti, conobbe la tristezza, la malinconia e la solitudine. Non era in grado di amare e non riusciva nemmeno a riceverne. Si sposò con l'uomo della sua vita, non certo un industriale, ma scoprì emozioni che i soldi non le diedero mai. Divenne una bellissima donna, ma prima di tutto una madre attenta e premurosa, riuscì anche a perdonare. Diede tanto amore quanto non riuscì mai a riceverne. Così vinse il destino, la vita e la sofferenza.



Share |


Racconto scritto il 11/04/2017 - 13:11
Da Sildom Minunni
Letta n.207 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Bellissimo raconto.molto bravo.

antonio girardi 13/04/2017 - 17:56

--------------------------------------

Dalla sofferenza risorgono migliori virtù, bel racconto

genoveffa frau 12/04/2017 - 17:11

--------------------------------------

Ricambiò l'amore non ricevuto con amore dato. Bello. Mi è piaciuto. Giulio Soro

Giulio Soro 12/04/2017 - 11:11

--------------------------------------

Un ponderato quanto espressivo racconto.
Lieto meriggio, Sildom.
*****

Rocco Michele LETTINI 11/04/2017 - 16:15

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?