Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

USA E GETTA...
HIROSHIMA...
Attesa creativa...
Cieli di sabbia...
a metà del pozzo...
La “Blum”...
Il tuo nome...
ALDA MERINI (acrosti...
La goccia...
Il Cambiamento...
Le guerre...
ANNIVERSARIO di Enio...
Che me succede ?...
Su Charlie Chaplin...
Una prigione invisib...
Vado a dormire...
L'Infinito...
Voglio una vita dive...
Mera poesia 2....
Credere in se stessi...
Maarrakesch...
Sinfonie di Primaver...
OLTRE LO SGUARDO...
PRIMI AMORI...
Gli uomini cedono al...
CHIMICA PROFONDA...
I sogni ci rapiscono...
PRENDITI CURA DI ME...
Acqua passata...
Artista...
La dieta 2...
Il merlo...
QUANDO DORMI...
Gli occhi guardano l...
Mi lascio trasportar...
Sofferenza e amore...
PROIETTILE VAGANTE...
PUNTINI PUNTINI...
Acqua e ricordi...
È nella quiete dello...
Ed è subito sera...
Corruzione nel creat...
Il vuoto...
SIAMO PIRATI...
tic toc...
L'albero della vita...
Non è stata una vera...
La nuova Alba...
Una musa per noi...
Per amore...
Alienazione di un po...
Sciopero a singhiozz...
Notte...
Francesco Papa...
Questa sei te: Sp...
Poesia su Rita Levi ...
Vorrei che il genio ...
MAGIE...
Nel fremito di vita...
Il mondo è fatto di ...
Lo Spettro Del Nostr...
C'ERA UNA VOLTA UN B...
IL SORRISO Il sor...
Un infinito amore...
acqua...
Anche l'inferno ti s...
GOCCE...
Un breve istante, un...
vorrei sparire......
vorrei cadere...
La camicia a quadri...
Voglia di sale...
Sotto il faro spento...
'Na cosetta...
Il giorno non sempre...
Freddo(C)...
L'odore del mare...
L\'anima gemella...
LA VITA E' SOG...
Il puzzle...
Impotenza....
L'età: Il tempo la ...
SCHELETRI di Enio 2...
Il richiamo della ge...
eterno gelo...
Finchè avrà voglia d...
Il suono del vento...
Oltre ai giochi otti...
IL BOSCO...
La terra dei sogni...
S.Francesco....
Il desiderio inconsc...
Lultimo calzolaio...
Mimmo...
Un nuovo martire - G...
Io ti appartengo...
Non ci riesco....
La vita è come il ci...
Un giorno di notte...
lo ha riposto lì...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Le lune di Dalla

Io mi ricordo la incontrai su una panchina, il naso rosso, il cappellino.. gli occhi lucidi della neve che le stava intorno.
Aveva una cuffietta ed un piccolo stereo che stringeva fra le mani ingreddolite.
Mi sorpresi del fatto che la panchina era comunque bagnata, ma aveva steso una specie di plaid e quando si accorse che mi sarei fermato ne puli un altro pezzo ed allungò quel panno per farmi sedere..
Mi fu semplice dire... " cosa stai ascoltando "... mi passò la cuffietta ed io vidi i suoi occhi accendersi ad ogni pasaggio di quella musica che le arrivava silenziosa.
Io invece li chiusi... per un momento scpariva la panchina.. il parco e ritornava un mondo dimenticato...quasi trent'anni dopo.
" Dalla... come fai a sentire queste cose.... non sono del tuo tempo... non eri nemmeno neanche nata..."
- le cose belle non hanno tempo... eppoi neanche la musica ha tempo... nasce quando l'ascolti per la prima volta..
" bello quello che dici...ma... io ti posso... forse capire... ma... quelli della tua età...e
- l'è non esiste dal momento che ascolta altre musiche...da oltre quarantamila lucide e con tutti i confort e con il finimondo per un semplice graffio... io invece ho fatto rivenirniciare da un amico che non ha voluto nulla..una seicento di mi zia... e ci ho msesso pure i pupazzetti di natale comprati dai cinesi...


La neve scendeva leggera... copriva ogni cosa... e per un istante pensai che ci sono cristalli anche in questo tempo, istintivamente le presi una mano... e lei si tolse un guanto.. mamma come sei gelato


Ora fiocchettava... il viale tornava immacolato di passi.. cosa avrei pagato per sentire il suo piccolo mondo appoggiarsi alla mia spalla..


Ed invece dai suoi jeans vidi una donna...oltre la bambina...e questo mi stordì prima eppoi mi trascinò in n vortice di sogno che cercai di trattenerlo con i miei occhi chiusi..


- Devo andare ... mi disse
" come devi andare... nella vastità del mondo in cui non l'avrei più rivista... mi guardava


Il suo viso biancheggiava contro la punta rossa del naso
i suoi occhi.. che non riuscivano a staccarsi dai miei risplndenvano di un mondo che sfioravo appena...


Quando arrivò in fondo... si girò staccando una foglia dal ramo..e mi guardò ancora......




Share |


Racconto scritto il 14/12/2017 - 09:18
Da Franco Libecci
Letta n.118 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


magic! mi è piaciuta :)

daniela cesta 02/02/2018 - 22:14

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?