Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Dramma di un giorno

Era un dì come tutti gli altri , udivo bambini gioire al ticchettio di una campanella scolastica , correre dai propri creatori all'uscita da scuola , era immenso sentire cuori battere a ritmo con la vita , mentre quella stessa notte la madre dell'oscurità stava per disciogliere anime innocenti e senza peccato . Una madre con l'occhio premuroso , rimbocca le coperte al proprio destino , lo scalda con teneri baci , inconscia di quello che le aspetta appena le palpebre dei suoi occhi , esausti dal logorante e struggente lavoro di una giornata , cessano di sbattere contro la sua chiara pelle , pelle di un viso limpido e trasparente , prima che tutto ciò svanisse nelle tenebre . Il vento incomincia ad innalzarsi leggero , sparge la bellezza degli alberi intorno ad un piccolo sentiero , d'un tratto un frastuono interrompe la fantasia della notte , l'immenso giace di vivere . Esistenze sconvolte , possedute dall'ira , una creatura con occhi spalancati , si guarda attorno , stringe forte un giocattolo , senza capire il perché di questa commedia tanto cruente . Si sentono mormorare esistenze abbattute , piene di rancore , affranti dal dolore che madre natura ha recato nei loro animi . Tutto è svanito , fanciulli stringono tra le dita sassolini di terreno umido e freddo , come i corpi che giacciono sul ciglio della strada , sepolti da speranze e sogni.Il tempo di una nuova alba è giunto,da lontano si sentono ancora pianti e strilli distrutti,di donne e uomini,che hanno perso ciò la vita ha potuto concedergli. Si sentono le campane ,troppo alte e belle per essere colpite, riescono inermi a far sorridere un fanciullo, che nella propria infanzia, ancora crede sia festa.



Share |


Racconto scritto il 24/08/2014 - 13:25
Da Andrea Fabbri
Letta n.474 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?