Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il torto del padre...
ho vagabondato in ce...
Pensieri d'Amore...
Piccola chiave...
Anche le bugie posso...
Così amo...
PRIMAVERA DENTRO ME...
La via di casa....
Riflessi...
L'inizio di una gran...
La nebbia negli occh...
L unione degli eleme...
Un ultimo gesto....
Se...
Niente fretta, Auré!...
La promessa...
Daiee!...
Il Carisma...
Ninna Nanna...
CORALLINA...
ANGELI...
Giochi di fantasia...
ECO INFINITO.......
CLOWN...
Questo strano. Senti...
Gocce d’acqua...
Solo un sorriso...
Fiori Liberi...
La vita mi schiocca ...
Girotondo tra le ste...
LA LUNA NON SI SPEGN...
Milano vanesia...
Guarderò la luna mor...
Dolce follia...
Attraverso lo specch...
LA MUSICA DEL CUORE...
guardandoti...
Kaori la rossa...
Ruderi ricordi...
Quando tu......
Buon Natale a tutti,...
LA MIA CANZONE...
Avrai......
A Natale si assapora...
Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...
Verità Incompiuta...
Eppur mi sono scorda...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Dramma di un giorno

Era un dì come tutti gli altri , udivo bambini gioire al ticchettio di una campanella scolastica , correre dai propri creatori all'uscita da scuola , era immenso sentire cuori battere a ritmo con la vita , mentre quella stessa notte la madre dell'oscurità stava per disciogliere anime innocenti e senza peccato . Una madre con l'occhio premuroso , rimbocca le coperte al proprio destino , lo scalda con teneri baci , inconscia di quello che le aspetta appena le palpebre dei suoi occhi , esausti dal logorante e struggente lavoro di una giornata , cessano di sbattere contro la sua chiara pelle , pelle di un viso limpido e trasparente , prima che tutto ciò svanisse nelle tenebre . Il vento incomincia ad innalzarsi leggero , sparge la bellezza degli alberi intorno ad un piccolo sentiero , d'un tratto un frastuono interrompe la fantasia della notte , l'immenso giace di vivere . Esistenze sconvolte , possedute dall'ira , una creatura con occhi spalancati , si guarda attorno , stringe forte un giocattolo , senza capire il perché di questa commedia tanto cruente . Si sentono mormorare esistenze abbattute , piene di rancore , affranti dal dolore che madre natura ha recato nei loro animi . Tutto è svanito , fanciulli stringono tra le dita sassolini di terreno umido e freddo , come i corpi che giacciono sul ciglio della strada , sepolti da speranze e sogni.Il tempo di una nuova alba è giunto,da lontano si sentono ancora pianti e strilli distrutti,di donne e uomini,che hanno perso ciò la vita ha potuto concedergli. Si sentono le campane ,troppo alte e belle per essere colpite, riescono inermi a far sorridere un fanciullo, che nella propria infanzia, ancora crede sia festa.



Share |


Racconto scritto il 24/08/2014 - 13:25
Da Andrea Fabbri
Letta n.453 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?