RACCONTI

     
 

In questa sezione potete consultare tutte le poesie pubblicate per argomento. In ogni caso se preferite è possibile visualizzare la lista delle poesie anche secondo scelte diverse, come per ordine di mese, per argomento , per autore o per gradimento.

Buona lettura

 
     



Lista Racconti

     
 

Il caso Chrome: ultimo atto


Torno, e spero che questa volta sia davvero l’ultima, sull’argomento Google Chrome. È un tema che ormai mi ha seccato (e se ha seccato me, figuriamoci voi!), e deluso, per le risposte che ho ricevuto. Ma, proprio per queste, ho qualche riflessione che non mi va di tenere solo per me.

I miei precedenti articoli sull’argomento hanno provocato due tipi di reazione.

La prima, quella che mi ha dato qualche soddisfazione, ed ha evitato di farmi sentire un cialtrone (termine usato in altro contesto), è stata di sorpresa e, insieme, riconoscenza, per aver svelato l’esistenza e i rischi di una funzionalità sconosciuta ai più, e in alcuni casi aver spiegato “misteri” in cui alcuni lettori erano incappati. Una nota purtroppo presente in molte risposte, quella di rassegnazione: il computer, ed il web in particolare, non sono tanto visti come preziosi strumenti di lavoro e/o di divertimento, ma come minacce delle quali non possiamo né liberarci né fare a meno. Efficace il paragone con il colt... (continua)


Giuseppe Bauleo 02/04/2015 - 12:21
commenti 0 - Numero letture:949

Voto:
su 1 votanti


Il conformismo è in noi e fra noi


L'uomo tende naturalmente ad essere conformista per il fatto stesso di essere un animale sociale. Risulta difficile schierarsi contro un'opinione che gode di un consenso diffuso perché il convincimento che si fa strada in tutti è che se sono in tanti a pensarla allo stesso modo è ciò stesso la riprova che quella opinione si basa su fondamenti validi e condivisibili anche "a scatola chiusa".
“Credendo a se stesso - sosteneva Tolstoj- l’uomo si espone sempre al giudizio della gente. Credendo agli altri ha sempre l’approvazione di chi lo circonda.”
In pratica si innesca, e in genere nella più inconsapevole e perfetta buona fede, una sorta di automatismo psicologico per cui si è acquiescenti rispetto alle idee dominanti e non ci si interroga sulle proprie effettive convinzioni. Questo atteggiamento umano è comprensibile anche se non difendibile in considerazione del fatto che, abbassando se non azzerando del tutto il livello di capacità critica di ogni individuo, spesso si... (continua)

Aurelia Strada 17/09/2017 - 15:08
commenti 12 - Numero letture:1105

Voto:
su 7 votanti


Il mondo ragionevole


Lo spot della Lavazza ha permesso a molti di conoscere alcuni stralci del discorso all'umanità di Chaplin, nel finale de “Il grande dittatore.”
Il punto centrale che riassume tutto il discorso arriva alla fine quando, dopo aver fatto un elenco di esortazioni agli uomini perchè esaltino il loro essere “umani” introduce il tema del mondo nuovo che non dovrà essere genericamente migliore ma più “decente” ed in finale “ragionevole.”

La ragionevolezza dell'agire riassume in fondo tutte le frasi precedenti.
E' ragionevole che gli uomini abbiano un lavoro, i giovani un futuro ed i vecchi la sicurezza.
E' ragionevole che la macchina dell’abbondanza non ci dia povertà,
E' ragionevole che la natura delle invenzioni reclami la condivisione,
E' ragionevole che la scienza ed il progresso diano a tutti gli uomini il benessere.

Se per tutto il discorso sembra che si punti sulla volontà degli uomini parlando al cuore, nel finale cambia il registro e sembra che si parli al cervello; la ra... (continua)


Glauco Ballantini 07/05/2020 - 11:47
commenti 3 - Numero letture:799

Voto:
su 3 votanti





Opera non ancora approvata!

01/01/1970 - 01:00
commenti - Numero letture:

Voto:
su votanti


Il pianeta dell'Amore e dei sensi


Su questo pianeta non esiste il pudore, c'è soltanto l'Amore, tutti si amano e si vogliono bene, ma non come in una fiaba sdolcinata ed effemminata. Nessuno è vestito perché non fa freddo e nessuno ha vergogna, le donne non se ne stanno appartate dagli uomini e viceversa e i bambini non sono esclusi dai discorsi degli adulti. Le spiagge sono gremite di gente che fa il bagno e prende il sole svestita, senza "ritegno" e quindi senza falsi pudori, ma nessuno viene costretto. Esiste la Libertà, nessuno viene spogliato se non se la sente di svestirsi di fronte ad altri. Libertà e Amore nel pieno rispetto dell'altro ( Levinas, filosofo di lingua francese ). Non ci sono divieti, chi ostenta il proprio corpo non viene giudicato, chi ha bisogno di confronti non viene raggelato con gli sguardi o ripreso negandogli la vista, fino a quando non si giunge alla soglia della molestia. Tutto nel rispetto dell'alterità, del corpo non mutilato dagli sguardi molesti, ma estasiati dalla bellezza ... (continua)

Gianfranco Cassia 16/06/2018 - 16:15
commenti 6 - Numero letture:694

Voto:
su 2 votanti


IL SAGGIO MAESTRO


C’era una volta un uomo avanti negli anni, insegnante in varie scuole, associazioni e atenei, ovunque apprezzato e stimato per la sua grande capacità e passione.
Aveva scritto e pubblicato libri in ogni dove.
Di lui raccontavano che era affascinante ascoltare le sue lezioni perché era solito spiegare con un linguaggio chiaro e disinvolto, a tutti comprensibile perché ricco di metafore e semplici esempi.
La sua buona fama, però, cessò quando, un giorno, fu trasferito in un piccolo villaggio, nel quale i suoi alunni, giovani e meno giovani, convinti di essere istruiti e preparati, non appena che il maestro iniziava a spiegare, palesavano il loro disappunto, temendo la lunghezza della lezione che spesso si protraeva oltre al suono della campanella.
Accadde così che nel paese si iniziò a mormorare sulle scarse capacità di sintesi di questo maestro sottovalutando la sua innegabile preparazione.
A criticarlo erano non solo chi andava a scaldare il banco, ma anche quelli disposti ad im... (continua)

Carmine De Masi 26/07/2021 - 13:42
commenti 7 - Numero letture:499

Voto:
su 6 votanti


Inseparabili (opinione)


Il 15 aprile 2010 e il 21 settembre di quello stesso anno, la televisione è morta. Ma è morto anche il pensiero che avevo dell’Amore.
Con la scomparsa di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, oltre ad aver perso la coppia che ha intrattenuto con le loro battute e i loro sketch per cinquant’anni milioni e milioni di telespettatori di ogni età, abbiamo perso una coppia che si amava veramente. Una coppia che si è sposata negli anni Sessanta, una coppia dove amore, devozione e rispetto li hanno accompagnati per tutto il tempo che hanno trascorso insieme, senza mai uno scandalo, “finché morte non li ha separati”. Anzi, ha cercato di separarli, ma il loro amore è stato più forte, inseparabili sia nel lavoro sia nel privato.
Sono cresciuta aspettando il programma Buona Domenica, perché al suo interno c’era Casa Vianello. In mezz’ora entravo nella loro “casa” e, attraverso lo schermo della televisione, osservavo le loro “vicende quotidiane”: lui, un po’ burbero con la moglie ma col cuore gran... (continua)

Chiara B. 20/09/2016 - 18:12
commenti 22 - Numero letture:1008

Voto:
su 6 votanti


Internet e la poesia


La frequentazione di siti letterari è stata ed è per me, come penso per tanti, fonte di esperienza e conoscenza. Nel contatto virtuale con numerosi autori ho avuto modo di accostarmi a sensibilità diverse oltre che a mondi, vite, vissuti oltremodo vari e questo ha arricchito la mia percezione della vita in generale. Potrei elencare tante cose che hanno inciso sulla mia interiorità e non è escluso che un discorso in tale senso più approfondito lo riprenderò, se mi sarà possibile, in altro momento. Per ora qui voglio fermare alcune considerazioni sulla poesia e sui poeti così come li ho visti o creduto di vedere nei siti fioriti in numero cospicuo, direi esorbitante, su Internet.
Intanto un primo mio convincimento è letteralmente saltato e cioè che la poesia non avesse più estimatori e fosse condannata all'estinzione in breve volgere di tempo.
Essa, invece, si è rivelata più viva che mai raccogliendo consensi al limite della straordinarietà.
Però (i però non mancano mai) c'è anche d... (continua)

Aurelia Strada 24/10/2017 - 14:57
commenti 8 - Numero letture:906

Voto:
su 3 votanti


Io sto con la Merkel.


Come battuta, già di per sé sembra blasfema. Pronunciarla in un momento in cui mezzo mondo fa festa per la vittoria(?) della Grecia, che ha avuto il grande coraggio di rifiutarsi di restituire i soldi che si era fatta prestare, sembrerebbe una provocazione.

Ma la mia non lo è. Non è una provocazione. A mio modo di vedere, “provocazione” è il nome che si dà alle cavolate quando ci si accorge di averle fatte. Ed io sono fortemente convinto di quello che sto per dire.

Il che significa che, se qualcuno dimostra che sbaglio, le cose che avrò detto saranno cavolate e nient’altro.

In effetti, quella frase è solo esemplificativa, in quanto sono in molti a far coincidere la figura della Merkel con l’idea dell’intera Europa. Il che è in parte vero. E ciò che vero non è, sarebbe auspicabile. Perché se tutti i paesi dell’eurozona funzionassero come la Germania, sono convinto che sarebbero in pochi a lamentarsi.

Quindi, in realtà, io sto con l’Europa. Quella delle banche? Sissignore, qu... (continua)


Giuseppe Bauleo 07/07/2015 - 12:13
commenti 0 - Numero letture:891

Voto:
su 3 votanti


Jeo so sardu, deo so sardu.


Jeo so sardu.
Deo so sardu.
Con quanto orgoglio esponiamo questa frase dove meglio ci capita e con che sguardo truce la formuliamo ai continentali, in sede od oltre il mare!
Viviamo su una Terra speciale, unica e dalla storia antichissima e salda come le rocce che la testimoniano.
Respiriamo profumi veri e differenti, con una gamma vasta e variegata per ogni stagione.
Per scoprire la nostra Terra arrivano visitatori da ogni angolo del pianeta; le fotografie delle nostre meraviglie sono spesso rubate e spacciate per angoli, evidentemente, meno paradisiaci dei nostri.
Eppure percorri svariati chilometri per visitare quell'angolo della tua Terra visto sulle foto o in un servizio in TV, ti fermi al bar di quel centro a fare la tua consumazione, chiedi indicazioni al/la barista che prontamente contrae le labbra come un culo di gallina, scuote la testa e ti risponde "Non lo conosco" tanto che ti penti di averlo/la messo/a in questa grave difficoltà.
Se solo noi sardi fossimo... (continua)

Millina Spina 15/10/2015 - 20:23
commenti 12 - Numero letture:1442

Voto:
su 10 votanti



[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2022 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -