Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

NOSTALGICAMENTE...
Il momento...
Rabbia...
Perchè...
L’altro viaggio 7/16...
Canto dell' Amore ch...
Se vuoi rovinare qua...
Di là dal vetro...
leggero il vento...
Giorni...
Gli alberi sono l'ul...
VIAGGIARE DI NOTTE...
INETTITUDINE DI PADR...
IL DESERTO DELL'...
GUARDANDO UN RAGNO...
Il castello...
La Pozione...
La maschera è caduta...
A Mia Madre...
O mio caro nuovo fut...
Sciogli la mia neve...
E' tutto un equilibr...
I nostri passi...
Casa poesia...
Baluginìo...
Soltanto ora mi vedi...
All'angolo della via...
La luce dei pensieri...
Piccolo dolore...
IN BOTTEGA...
Non ci sono solo il ...
SOGNO PER VIVERE...
Se n’è andata con il...
L\'eco delle parole...
Un vecchio libro di ...
IL FLAUTO DI PAN...
INQUIETUDINI...
Affido alla luna...
La giostra...
Il mormorio del mare...
Essere intelligenti ...
La mutazione dei col...
La forza del Mare...
Ma... Poi...
Viaggio nel futuro...
La mia Laika...
Feste in maschera e ...
É lo stesso...
Mirko D. Mastro- Gua...
CON TUTTE LE ATTENZI...
PRIMO...
Composizione n.374...
PASSATO BRUCIATO...
Non c'è pace...
Un figlio...
IL CASSETTO...
Senza pace...
Ad maiora...
Stampe antiche...
L'amore vero...
LA CORSA DELLA ...
Nebbia...
Con altre mani ti ac...
Se timoniere della n...
Ti amo...
La famiglia è la rad...
IL BACIO...
La pentola di fagiol...
UN AFFARE CON IL DIA...
Una volta la famigli...
L’altro viaggio 6/16...
Nonno sprint...
I SOGNI NEL CASSETTO...
Ci rinuncio...
Assopito...
AL MIO CONVENTO...
Le cicatrici del cuo...
Notte di Velluto Vio...
Averti qui...
SILENZIO...
Promesse...
Caro diario...
La fontana della con...
Scorcio d'inverno...
Il pasto nudo...
MAGICO ISTANTE...
Nell'aria (concors...
La via senza ritorno...
RINASCIMENTO...
A volte il passato f...
VIVI!...
Senti come corre que...
L’altro viaggio 5/16...
Sospesa nel silenzio...
In quella spiaggia d...
Inno al verso...
L'inverno e il suo c...
Laura...
Viviamo...
Una stretta di mano...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Lo Straniero senza Nome

Lo Straniero senza Nome, per gli amici (e per i lettori) Lo Straniero, giunse a El Fica, una tranquilla cittadina del Colorado.
L’uomo, affamato come non mai, entrò in un McLeone’s e, senza prestare particolare interesse al menù si fece preparare il Panozzo di Terence Hill un pagnottone farcito di carne di cavallo e fagioli con salsa di pomodoro. Lo divorò avidamente, per di più bevendo un lattina di gazzosa al cactus.
Uscì dal locale indeciso se dirigersi in un'armeria ad acquistare una scatola di munizioni per la Colt oppure cercare una locanda per riposarsi, dopo cinque estenuanti giorni a girovagare per monti e per dune a pigliare il cocentissimo sole tranne dove lì non batteva.
Dato che bocca e gola sembravano asciutti come il deserto per via dell’arsura, non ritenne urgente nessuna delle due opzioni, e preferì andare a bere qualcosa di fresco e di dissetante da qualche parte.
Il paese appariva disseminato di saloon, tant'è vero che il cowboy ne scelse uno a caso ovvero il Salo'on e le 120 giornate di Sodoma, titolato così in merito a Sodoma, il nome della proprietaria che gestiva il pubblico esercizio per 120 giorni all'anno.
Lo Straniero stava quasi per entrare nel locale quando la sua attenzione e quella di un nugolo di astanti venne catturata da uno sceriffo sbragato decisamente grosso, grasso e frescone e da un individuo guercio dallo sguardo malupino, dagli indumenti sporchi nonché lacerati. Entrambi, collocati nella corsia delle carovane a pochi metri di distanza l'uno dall'altro, assunsero una posa da duello oltre a ciò fuckoffandosi a Vicenza. (espressione italoyankee che indica: Prima ti insulto e poi vediamo!)
Lo Straniero pensò che una bella Yucca con ghiaccio poteva aspettare, dal momento che non si sarebbe perso la sfida nemmeno per tutto l'oro del Klondike, pur stupendosi di quell'insufficiente distanziato.
Nel frattempo, i due duellanti si studiarono, accarezzando l'impugnatura delle rispettive pistole.
«Questa città è troppo piccola per tutti e due!» espose il guercio.
«Hai ragione! Preparati ad essere sconfitto!» esclamò lo sceriffaccio.
I due contendenti si guardarono con intensità, immobili come due rocce del Gran Canyon.
«Perché nessuno chiama il becchino?» chiese Lo Straniero ad uno dei curiosi seduto sopra una cassa di legno.
«Non ce n'è bisogno.» gli spiegò il tizio, un mezzo indiano d'America e mezzo indiano dell'India. «Si affrontano a chi viene per primo da ridere. Chi ride perde. Si stanno giocando la stella e il posto di sceriffo.»
Passarono circa dieci minuti.
Il grassone scoppiò a ridere. Vinse il guercio, grazie ad una serie di provvidenziali inarchi delle sopracciglia, un’azione talmente semplice e al contempo talmente buffa da sollecitare il riso persino ai presenti, al contrario dello Straniero, tutto paonazzo a causa del Panozzo, procurandogli quindi un terribile mal di pancia, dalla conseguente rumorosa scoreggia impossibile da trattenere. Il guercio non ci vedeva bene; tuttavia ci sentiva benissimo, credeva che quel vaccaro venuto (o scappato) da chissà dove, voleva scorrettamente fregargli la stella con uno o più confetti di piombo. E il neo sceriffo, estraendo velocemente la Colt dalla fondina rispose allo “sparo.”
Lo strabismo dello sbrindellato zozzone impedì di centrale lo Straniero ma bensì l'insegna del saloon che cascò in testa a quest'ultimo.
E fu così che lo Straniero senza Nome divenne lo Stranito senza Nome.



Share |


Racconto scritto il 03/12/2020 - 14:55
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.166 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Grazie Antonella, il tuo commento vale una prateria. Il genere humour assieme a quello che autobiografico è quello che mi rende di più.
Spesso col genere humour... scrivo come parlo, visto che ho un'indole scherzosa ed effervescente. Oh senza scomodare Brioschi. :D
Il western mi piace moltissimo, sebbene a livello cinematografico e narrativo prediligo maggiormente le opere romance e poliziesche.
Ebbene sì, sono anche romantico. Ho pure questo difetto. Ci convivo. Da sempre.

Giuseppe Scilipoti 14/12/2020 - 18:36

--------------------------------------

Un bellissimo racconto, che dimostra la tua bravura nello scrivere un testo che essendo una forma di rivisitazione dei tanto amati film western potrebbe risultare scontanto, e invece è un racconto scorrevole, piacevole, originale e soprattutto divertente. Il lettore non può che ammirare la tua fantasia nelle varie scene e nei personaggi, permettendo di "entrare" pienamente nell'opera.

Antonella Rao 14/12/2020 - 12:51

--------------------------------------

un film diretto e interpretato da un ottimo Clint Eastwood.
Il soprannome del protagonista senza nome, mi ha permesso di far leva sul finale, sull'ultimo rigo del racconto, precisamente.
Per il resto il protagonista diventando "Stranito" e ahimè lo scemo del villaggio a causa della botta in testa, mi sa che comunque conserverà almeno la lucidità per non prendersi mai più quel Panozzo pesante come pochi, Panozzo causa dell'equivoco.
Alla prossimissima!

Giuseppe Scilipoti 09/12/2020 - 12:06

--------------------------------------

Santa, Maria Luisa, Barbara e Afrodite, vi ringrazio per le vostre disamine nessuna delle quali risultano delle "sparate."
Indubbiamente avete "Colt"o gli aspetti e gli intenti principali del mio racconto che punta a far ridere attraverso una serie di sequenze parodistiche alla Mel Brooks.
Essendo un appassionato di cinema, non potevano e non dovevano mancare le citazioni, figuratevi che il titolo stesso è un omaggio a "Lo straniero senza nome"...
(segue)

Giuseppe Scilipoti 09/12/2020 - 12:04

--------------------------------------

Un racconto decisamente divertente che sembra una perfetta rivisitazione, in chiave comica, di un film western.
Ci sono tutti gli elementi: lo straniero, il saloon, il guercio, lo sceriffo e il duello finale che, però, avviene a colpi di risate.
Cinque stelline per la fantasia, gli incastri terminologici ed il finale sempre sorprendente

Afrodite T 06/12/2020 - 13:14

--------------------------------------

Giuseppe la mia generazione è cresciuta con i film western e generi simili...tu nel tuo racconto mi fai ricordare alcune scene che tanto mi divertivano da ragazza, ovviamente il tuo è un genere tutto personale e divertente e questo impreziosisce il racconto! Dimostri di avere sempre tanta fantasia e una capacità straordinaria di giocare con le parole!!! Bravissimo

barbara tascone 05/12/2020 - 13:14

--------------------------------------

Sempre simpatiche le tue opere, create attraverso una mescolanza di nomi e appellativi di riferimento ai vari personaggi molto particolari. Mi è piaciuta la chiusura del tutto con lo Stranito senza nome.

Maria Luisa Bandiera 04/12/2020 - 15:02

--------------------------------------

Ahahahah....la gazzosa al cactus(o del cactus) ti giuro che non l'avevo mai sentita. Come si fa a leggere questo racconto, che in verità è più una scena senza ridere, se fossi stata al posto del ciccione avrei sicuramente perso. Tutto diventa godibile per il gioco delle parole, di cui sei maestro. L'ispirazione cinematografica è alquanto evidente ed anche la tua passione per questo genere di arte. Un immenso OK e bravo ed originale come sempre.

santa scardino 03/12/2020 - 18:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?