Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L’Alba del Serafino ...
Riconosciamo forme e...
Anni Sessanta...
RICOSTRUIRE IL C...
Tristezza...
Fisicità...
La barca...
E SE FOSSE L’AMORE.....
Sequenze da sogno e ...
Guardando questo cie...
Coltre...
SUA MAESTÀ...
Orchestra...
Simbiosi letteraria...
Tutto ebbe inizio. C...
Rifrazioni!...
Un cielo stellato...
Abbracciami...
I ricordi sono picco...
Notturno ma non trop...
Non volendo invecchi...
Tu sogni di notte?...
Tempo...
HAIKU E...
SENZA TITOLO...
A passo lento...
Sussurro...
Irrequieto sognare...
Nel giardino tutti c...
Il sogno.......
Contemplazione...
AL FARO...
scriverEsistere...
Vuoto...
I babbaluci...
Andiamo...
Per te...
RITORNO AL PASSATO -...
Sparse...
Clair de lune...
Si cercano ovunque M...
Cos'è l'amore...
Lorenza s'attiva (se...
SE CI PENSI…...
L'ultimo tocco di qu...
PALLIDO IL SOLE FORS...
Cinquant'anni d'amor...
L’Alba del Serafino ...
Giorgio...
In deserti dell'anim...
Il messaggio...
viola...
LE BOLLE DI SAPONE...
VIGNA...
Il cecchino...
ALLA DERIVA...
Obsolescenza...
Forse...
La tela...
ORA SO...
TROVARE LA FELIC...
Soltanto fortuna...
LA MORTE NEL CUORE...
Tra una carezza ed u...
INADEGUATEZZA...
L'usignolo malato...
Alpi...
STELLA...
Bisogna esercitare g...
Spot Lemondrink...
Dal mio giardino...
Ancor ti mostri all'...
La Historia Oficial-...
La dea bendata non c...
Memorie antiche...
Ho bisogno...
Luna...
UN FULMINE A CIEL SE...
GRAZIE ALL'AMORE......
MA CHE COLPA ABBIAMO...
Ritrovarmi...
Chiedi all'universo ...
Sognando gli aquilon...
Il simbolo dell'appa...
Chi pensa che, per e...
Isola che non c'è...
La cultura dell'amor...
E VIENE SERA...
INCOMPRESO SCAPIGL...
Notte...
C'eravamo tutti....
Prologo...
Senza nessuna cura...
NOI...
Suggestioni campestr...
LA LUNA...
Luna...
Afflato di luna...
In mezzo al gelo...
L’Alba del Serafino ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

NOTTURNO ANDANTE

Mezzanotte buia nel quartiere della città,
ho perso l'autobus notturno: ma che freddo che fa!
Cammino a piedi tra le strade mie di periferia,
chissà se il tempo chiede tutt'intera la mia energia.


E verso spazi vuoti il mio essere lento già va,
costeggia tutte le stazioni e tutte le velleità,
e s'alza un vento forte dalla terra, come non mai,
tra i pub e i bar del centro il freddo entra tra i fatti tuoi.


Passo questa notte
tra i fuochi stellari qui
ed il rondò che urla
e porta via chi capita,
tra spinellati
e spaccio di euforia...
...Ma ora tu, tu, tu chi sei?
E dove te ne vai ora qui?
A quest'ora che fai?


E scappa via il 31, notte di buatta ora qui,
comincia a piovere a dirotto, quasi nevica!
Non cedo posti, illusioni, pantomime, o che?
E fugge il buio, si schiarisce il sole piano qui.


Ho perso il sonno, c'è un rumore di lamiere che va,
a passi tardi e lenti, rintontisce tutta la città,
un bar del centro è aperto, e mi arriva odor di caffè,
mi tenta ed entro, mi risveglio e penso a te...


...E allora tu, tu, tu chi sei?
Dov'è che ti ha condotta la notte
tra analcolici e botte?
E allora tu, tu, tu lo sai
che il mondo acquista spazio da noi:
puoi goderne, se vuoi!



Share |


Poesia scritta il 06/12/2010 - 10:18
Da Manuel Miranda
Letta n.726 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?