Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Romantica...
Arrive(rà)derci Pens...
Il sorriso...
Sei sicuro di avere ...
SIAMO I POETI...
Il matto...
Come alberi in autun...
Sospeso...
Primo amore...
Irene...
Parigi, Febbraio 194...
Passegiando la matti...
Rapporti Umani...
CUORE DI PIETR...
Non trovo....
Il cucciolo...
Promessa....
SIMILI...
FRUSCIO DI FOGLIE...
Il sonetto dell'autu...
Quel momento in cui ...
Accomiato...
Il suo sorriso era c...
BELLEZZA PROVOCANTE...
E' la sera dei mirac...
PROFONDE FOLLIE...
Andiamo là...
Velate nubi...
Adieu...
L’ultima Volta...
Firmamento...
Tutto si trasforma, ...
La clessidra...
Respiro di vita...
Casuali parabole...
IL SUBACQUEO SPORTIV...
E\' stato splendido...
SonEtti...
Sogno o son desta...
Due tenere folate di...
Diavolo...
Mosè e le tavole del...
Mosca 1950...
ANCORA INSIEME...
I binari della mia v...
I ricordi nell’armad...
Placido mare...
TUTTO IN UNA PAGINA...
GIULIA pt.1...
“Oggiscrivo”...
La colazione...
IL SALE DELLE TUE PA...
Non Ti Scordar di Me...
L'ora perduta...
Davanti a me vedo du...
STREET CIRCUS...
Schegge del cuore (T...
Limbo Perverso...
UN PASSO INDIETRO...
Il groviglio esisten...
Ombre...
Il primo appuntament...
SETTEMBRE STA PASSAN...
Alito di Dio...
Me ne voglio ì lunta...
medjugorje...
Bergamo Alta...
sentiero...
E se fosse che la fo...
Disse il saggio...
Dondola il mare...
la mia bambina. la m...
IMMERSO...
L'ultimo ciabbattino...
Ondulazioni...
Prime luci su Livorn...
ORMAI...
SILENZIO INAUDITO...
Amore,amore, amore.....
Mamma...
Animo umano...
minestrone...
Lessi...
IL LUNGO VIAGGIO...
Voli d'Autunno...
Ama le lacrime quant...
VOLI PINDARICI...
La passeggiata...
notte di settembre...
città...
VENERE SOLITARIA...
Silenzio...
L'uomo e il mare...
Come nelle favole...
Quando scende la ser...
L'amore...
Dall'alfa all'omega,...
LA PERLA NERA...
PECCATI MORTALI...
Da Ibiza...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

NOTTURNO ANDANTE

Mezzanotte buia nel quartiere della città,
ho perso l'autobus notturno: ma che freddo che fa!
Cammino a piedi tra le strade mie di periferia,
chissà se il tempo chiede tutt'intera la mia energia.


E verso spazi vuoti il mio essere lento già va,
costeggia tutte le stazioni e tutte le velleità,
e s'alza un vento forte dalla terra, come non mai,
tra i pub e i bar del centro il freddo entra tra i fatti tuoi.


Passo questa notte
tra i fuochi stellari qui
ed il rondò che urla
e porta via chi capita,
tra spinellati
e spaccio di euforia...
...Ma ora tu, tu, tu chi sei?
E dove te ne vai ora qui?
A quest'ora che fai?


E scappa via il 31, notte di buatta ora qui,
comincia a piovere a dirotto, quasi nevica!
Non cedo posti, illusioni, pantomime, o che?
E fugge il buio, si schiarisce il sole piano qui.


Ho perso il sonno, c'è un rumore di lamiere che va,
a passi tardi e lenti, rintontisce tutta la città,
un bar del centro è aperto, e mi arriva odor di caffè,
mi tenta ed entro, mi risveglio e penso a te...


...E allora tu, tu, tu chi sei?
Dov'è che ti ha condotta la notte
tra analcolici e botte?
E allora tu, tu, tu lo sai
che il mondo acquista spazio da noi:
puoi goderne, se vuoi!



Share |


Poesia scritta il 06/12/2010 - 10:18
Da Manuel Miranda
Letta n.499 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?