Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ultimi saldi...
La poesia evoca o sc...
Evocando te (Concors...
IDEALI...
LA PORTA...
Diario di bordo...
Lacrime...
La campana di vetro ...
Quando...
GLI AMICI DELL\'ESTA...
Fior di luna...
Resta...
SOGNANDO TE...
HAIKU 38...
Avanzi di poesia...
Da mane a sera...
7...
Mille lune ( concors...
Sogno d'amore...
In un fumetto di Cla...
Big Gym...
Chirp, chomp e chok...
Una favola antica...
SPOSA IN FUGA...
Francesca Manzella...
Tra uno strappo e un...
Io ti canto...
Giaccio...
Vado sfogliando...
Dove sei andata ?...
Elisei...
Il testa di caxxo...
Un piccolo pianto...
Alla mia meraviglia...
Umanità fallita...
PETRA...
Anima solitaria...
Poteva essere...
Scale verso il nulla...
Nonostante il freddo...
RICORDANDO L' AMOR...
Come fogli di carta...
Ritrovarsi...
PLACIDO...
L'ombra (lipogramma...
Non conosce falsità ...
Stampata sugli euri...
Carcerieri di noi st...
Pippo il Polpo...
Sprazzi Vitali...
Nuvole bianche...
CON STILE...
Ideare e progettare ...
Brividi assalgono...
Dove osano le oche o...
QUANDO SCRIVO...
Orologio...
Anche se (100 parole...
Proverbio indù (100 ...
Câblé n.5...
Luce e penombra...
Il meteorite gigante...
La solitudine bisogn...
mila pezzi...
Autunno Asseminese. ...
HAIKU 37...
È ancora primavera...
Il Dolore...
E tra I flutti una s...
L' AMORE HA CONOS...
Ti scrivo (100 parol...
VIVERE IL PAESE...
Velatura...
Fascio...
Non temere l’insicur...
Moto Zen (1)...
La tomba di Renzo eL...
Guadando il fiume...
Ciò che rimane ( con...
melograno...
Anima....
Masai...
Inquietudini...
L'autocontrollo è un...
Attesa...
Attimi (concorso poe...
Essere...
La pastora...
Qualche rivolo in me...
SULL’ORLO DEL BARATR...
DANZANDO CON TE...
Alla mia cara gatta ...
I lucchetti che apro...
Il buio...
Io prendo la minima...
Primitives...
Io e te per sempre...
Se guardi nel rifles...
Ho chiesto alla brez...
Il cambiamento clima...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Morgan il Vikingo

Lo Stylocidaris affinis, conosciuto comunemente come riccio matita per i suoi grossi aculei, è un animale stupendo, un echinoderma della famiglia delle Cidaridae.
È un parente stretto delle stelle di mare e , come quelle, genera in chi ne viene in contatto un istinto tanto brutale che irrefrenabile: possederlo, portarlo a casa per ricordo, o per regalarlo. Molti naturisti credono che il riccio matita sia patrimonio soltanto dei mari esotici, non nostrani, ed invece si sbagliano. Esiste pure nei nostri fondali, anche se i suoi meravigliosi esemplari sono assai rari. Se un sub di poca coscienza lo trovasse, ne farebbe certamente regalo ai figli, o alla fidanzata di turno, sottraendolo alla bellezza del mare. In Sardegna, mi dicono gli amici sub di Alghero, ce n'è qualcuno, protetto da leggi locali.
Io ne ho trovato solo uno, all'Elba, nonostante le migliaia di immersioni fatte in quel lembo di mare, ed è stato un caso fortuito. Stavo cercando un presunto relitto d'aereo islandese, erroneamente segnalato. Un sito subacqueo di scarsa importanza, non frequentato dalla massa.
Ricordo ancora la mia meraviglia quando, di ritorno da una immersione infruttuosa alla ricerca del relitto inabissato, lo vidi, bello e solitario in un piccolo anfratto di una parete rocciosa, verticale come un Altare, nome che i locali avevano dato a quel fondale.
Lo raccontai agli amici, descrivendo i particolari dell'immersione, e capii in seguito di aver fatto un grosso errore.
Pochi giorni dopo seppi che alcuni club subacquei stavano organizzando una spedizione per la sua ricerca, con la scusa di farne un servizio fotografico da mettere sulle riviste sub.
Nobile scopo, in teoria, ma all'atto pratico io conoscevo bene quella gente. Anni prima avevano fatto razzie di spugne, rose di mare, pinne nobilis e corallo rosso, sempre con l'attenuante del servizio fotografico. Il capo indiscusso di quella banda era Morgan.
Mi sentivo in agitazione emotiva: avrei perso per sempre un esemplare stupendo ed unico di animale marino tanto raro, quanto bello.
Per fortuna i capi istruttori di quei club vennero a parlarmi al Diving Center che gestivo in quegli anni.
« Ciao Jack, come ti butta... », furono le prime frasi per rompere il ghiaccio.
Iniziammo a parlare di mare, immersioni, di come evolvevano le attrezzature e le tecniche sub, con particolare riferimento alle immersioni profonde.
Quando parlammo di escursioni oltre i cinquanta metri di profondità, ecco l'abboccamento:
« Senti Jack, ma quel riccio matita che hai trovato, è sotto i cinquanta metri o è a profondità inferiori? », esordì quello che io consideravo il più grande predatore di reperti e creature viventi marine.
« Chi vi ha detto che l'ho trovato? », dissi per perdere tempo.
« Beh, ormai lo sanno tutti, e conosciamo anche il posto, l'Altare. In due o tre immersioni dovremmo trovarlo. Siamo in molti... »
« Che intenzioni avete », dissi.
« Farne un servizio fotografico, ovviamente ».
Era una balla colossale. Lui, Morgan, detto il Vikingo, così era conosciuto nell'ambiente a causa dei lunghi capelli biondi, la barba folta rossiccia e l'aspetto truce da Attila dei mari, aveva fatto un errore presentandosi come se fosse un biologo marino. Avrebbe dovuto incaricare qualche altro sub, magari vergine di razzie, insomma uno più credibile per venire a chiedere di accompagnarli sul posto.
Decisi di stare al gioco, e dissi:
« Bravi, bella iniziativa. Invece di cercare a vuoto, vi accompagno io sul posto ».
Avevo già in mente il mio piano, e nessuno poteva immaginare che alle cinque del pomeriggio avrei potuto organizzare uno scherzetto con i fiocchi.
« Ottimo », disse il Vikingo, « allora ti prenoto la barca per domattina. Non voglio altri sub a bordo, siamo già in dodici. Tu ci porti, ci accompagni sotto e noi ti paghiamo l'uscita ».
Raccontai a Franco, il mio socio nell'attività del Diving, quello che avremmo fatto il giorno dopo. Doveva preparare dodici bombole cariche, oltre alla mia. Lui mi guardò serio serio, e disse:
« Lo sai cosa succede dopo, se li accompagni, vero? »
« Certo, ma non lo troveranno ».
« Che fai, li porti in un altro posto? Ma ormai lo sanno tutti che è in un anfratto dell'Altare, non li puoi prendere in giro. Quelli non ti pagano nemmeno l'uscita ».
« No, li porto proprio a vedere quell'anfratto. Solo che il riccio matita non sarà più lì... »
Mi guardò come si guarda un fantasma, o un pazzo. Si grattò la testa, un'abitudine che aveva quando pensava, e disse.
« Ho capito...lo sposti, lo porti lontano da lì. Ma quando lo fai? Ormai sono le sei, viene buio ».
Io sorridevo, pensando che ci sarebbe arrivato da solo. Dissi soltanto:
« È quasi buio, ma non abbastanza. Nessuno deve vedermi uscire per mare, stanotte ».
Franco spalancò gli occhi e disse:
« Dai Jack, non vorrai andare a cinquantacinque metri in notturna? »
Io sorridevo, e allora lui aggiunse.
« Vengo con te... »
« Ti ringrazio, Franco, ma devo essere il solo a conoscere il posto dove lo porterò. Ti conosco, tu prima o poi ci accompagneresti qualcuno, o qualcuna... »
Mi guardò ridendo sotto i baffi, ed ammise:
« Hai ragione...se me lo chiedesse una subacquea, non resisterei. Mi raccomando però, stacci attento, controlla bene che stanotte non ci siano correnti, all'Altare ».
« Perfetto. Tu intanto preparami un bibombola bello carico. Devo farne due di
immersioni ».


Fu così che mi preparai a fare in solitario l'immersione più rischiosa della mia vita sottomarina.
Attesi la notte, buia e senza stelle, e mi immersi a cinquantacinque metri, nella grotta dove viveva il riccio matita.
Mi apparve nel suo splendore. Ancor più bello, alla luce artificiale della lampada che a quella profondità ne esaltava i colori. Lo raccolsi con amore e lo riportai in barca. Lo misi a riposare in un bel secchio grande di acqua fresca e limpida e, senza nemmeno togliermi la muta, avviai il motore del mio gozzo.
La nottata era calda e senza vento, sicché mi godetti quell'ora di barca necessaria a portare il riccio in un posto dove nessuno lo avrebbe mai trovato.
La tana che gli avevo riservato era più bella, se mai sia possibile, di quella che può trovare un cardellino innamorato.
Ora il riccio matita è tutto mio, solo mio... nessuno sa dove l'ho nascosto. E mai lo dirò. Quando mi sento giù di corda, allora mi preparo mentalmente, mi attrezzo con l'equipaggiamento da profondità, e vado a salutarlo.
Si può piangere sott'acqua?... sì, posso confermarlo, basta avere a disposizione lacrime vere, e salate. E una bellezza esagerata da ammirare.




Share |


Racconto scritto il 25/11/2023 - 14:29
Da Mino Colosio
Letta n.981 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Grazie Francesco per i complimenti. Il riccio matita nei nostri mari è una rarità, in più di 3000 immersioni ne ho trovato solo 1 in tutta l'elba. Ci sono anche in Sardegna e immagino pure in sicilia, anche se rarissimi. Vivono in profondità, negli anfratti...non come quelli che in Sicilia e Calabria, per esempio a Capo Rizzuto, si mangiano con p'ecorino e vino...

Mino Colosio 26/11/2023 - 11:16

--------------------------------------

Da giovane raccoglievo i ricci marini comuni, di questo esemplare non ne avevo sentito parlare. Leggendo il tuo racconto, molto coinvolgente, mi hai stimolato a fare una ricerca, cosa che farò quanto prima. I miei complimenti per la tua bravura narrativa, ciao

Francesco Scolaro 26/11/2023 - 11:12

--------------------------------------

Grazie Maria Luisa, di un riccio matita ci si può innamorare, di lui e del suo mare che lo accudisce. Guarda le immagini su Google, è stupendo. Ciao

Mino Colosio 26/11/2023 - 08:18

--------------------------------------

Un bellissimo racconto che si legge con piecere sia per la bella scrittura fluida e scorrevole che per tutto il testo che emoziona molto; mi sentivo immersa nelle acque insieme a te anche se io non faccio sub.
Grazie di averlo condiviso.

Maria Luisa Bandiera 26/11/2023 - 07:13

--------------------------------------

Si, ho letto che sono stati visti anche in Sardegna, precisamente ad Alghero, come scrivi tu, nel racconto, "nelle grotte di Alghero, dove si trova talvolta anche a livelli superficiali) fino a 1000 metri. È possibile poterlo rinvenire lungo le banchine dei porti lasciati dai pescatori che ripuliscono le reti dove vi rimangono spesso impigliati. Appunto e sulla banchina del porto c’erano, rilasciati a mare dal pescatore, ma chissà se sarebbe stato meglio farli vivere, magari anche loro in via di estinzione…. Stralcio preso da Algherolive.it

Margherita Pisano 25/11/2023 - 21:08

--------------------------------------

Grazie tante Margherita per le belle parole del commento. Il riccio matita è tipico dei mari come quello del Mar Rosso, ma nei nostri mari è rarissimo. ha aculei grossi e corti come quelli di una matita pongo, o un pastello. Vai a guardarlo su Google immagini, ne resterai incantata. Amici sub mi hanno detto di averlo visto anche in Sardegna. Ciao.

Mino Colosio 25/11/2023 - 18:39

--------------------------------------

Ciao Giacomo, emozionante questo bellissimo racconto autobiografico... una meraviglia leggerlo, ogni volta mi stupisci per la sensibilità, rara come il riccio matita, che non conoscevo. Complimenti

Margherita Pisano 25/11/2023 - 18:27

--------------------------------------

Grazie Anna...uno dei miei racconti autobiografici di mare al quale tengo molto. Se vai a vedere su immagini il Riccio matita rimani incantata. Ciao

Mino Colosio 25/11/2023 - 18:04

--------------------------------------

Si, si piange immersi nell'acqua e credo che sia il posto più bello per farlo, hai nobiltà d'animo come dovrebbero averlo tutti quelli che vanno per mare, bello e interessante il tuo racconto, complimenti davvero.

Anna Cenni 25/11/2023 - 17:26

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?